Uno dei social più diffusi al mondo è Instagram, appartenente al colosso di Facebook. Utilizzato soprattutto tra i giovani, permette agli utenti di scattare foto, applicare filtri e condividerle in rete.

Anche a livello commerciale ha dato i suoi frutti, consentendo la nascita dei famosissimi Influencer, ovvero soggetti che grazie ai loro post (stories, video, foto), influenzano i comportamenti di acquisto dei consumatori, creano nuove mode.

Ed ecco che inizia la corsa per aumentare i follower (seguaci) così da poter aumentare la propria fama sul web.

Senza perderci in troppe chiacchiere, iniziamo questa piccola guida per utilizzare al meglio Instagram, sfruttando a pieno le sue potenzialità e le sue numerose funzioni.

Le Stories

Chi non fa stories? Praticamente tutti ed in ogni momento della giornata. Sostanzialmente sono foto e/o brevi video dalla durata massima di 15 secondi che vengono pubblicate nel profilo per 24 ore, come una sorta di diario.

Strumento molto utile alla quale solo da poco si sta iniziando a dare il giusto valore; al pubblico piacciono contenuti interattivi, che possono vedere e ascoltare, piccoli video per ridere o brevi consigli da seguire. Sono pochi quelli che restano per più minuti a leggere un lungo post.

Si possono caricare foto e video già presenti sullo smartphone come anche crearne di nuovi con l’ausilio dei numerosi filtri presenti nell’app Instagram. È possibile inserire la posizione, emoticon, GIF, domande a cui rispondere, sondaggi, musica.

Inoltre è possibile creare video in diretta che verranno poi inseriti tra le stories.

15 secondi vi sembrano pochi? Allora basta entrare nella funzione IGTV, così da poter realizzare video più lunghi che potranno essere visti dai vostri follower.

È possibile inserire del testo nelle stories, con la possibilità di cambiare il colore con un semplice tap (tocco) sulla parola scritta, così da far comparire il testo color arcobaleno. O se volete un colore personalizzato basta sceglierlo mentre scrivete.

Ma è possibile scaricare la storia sullo smartphone? Assolutamente sì, cliccando sull’icona della freccia che punta in basso è possibile salvare all’interno della galleria. Ma attenzione! Se nella storia è presente la musica, allora non sarà possibile effettuare questa operazione.

Nuova funzione di Instagram è quella di poter inserire dei contenuti brandizzati all’interno delle stories, così da poter pubblicizzare il proprio partner commerciale.

Per chi ha un numero di follower elevato, sarà possibile sbloccare alcune funzioni particolari, come ad esempio l’inserimento di un link esterno accessibile tramite uno swipe up (tocco verso l’alto).

Avete mai provato a zoomare mentre registrate una video-stories? Facilissimo, basta continuare a premere sullo schermo dello smartphone e fare uno swipe verso l’alto o verso il basso per aumentare o ridurre la zoomata.

È davvero possibile avere un grande successo grazie alle stories, create contenuti interessanti, adatti al vostro pubblico, collegate le storie, consentite alla community di interagire, usate gli hashtag, porterete così nuovi visitatori nei vostri profili.

Aumentare Follower

Ok siamo nel fulcro della questione, riuscire ad avere più follower possibili con il minimo sforzo. Impossibile, per il semplice fatto che il profilo va curato nei minimi dettagli, in fondo è il nostro biglietto da visita.

Per prima cosa, bisogna completare la biografia, scrivendo qualcosa su noi stessi, inserendo #hashtag ed eventualmente il link al sito personale. Grazie a questo, il 20% del lavoro è già fatto.

Adesso bisogna iniziare a cercare seguaci, ebbene sì, vanno cercati. Diffidate dai bot a pagamento, meglio investire un paio d’ore del vostro tempo così da essere sicuri di avere un pubblico selezionato e realmente interessato a quello che fate.

È ovvio che dovrete produrre dei contenuti eccezionali per i vostri follower.

  1. La prima tecnica da utilizzare è il follow back, basato su un concetto semplice, seguite dei profili in target con la vostra nicchia, parte di loro ricambieranno sicuramente a loro volta e dopo qualche settimana smettete di seguirli. Solitamente, più della metà di questi continuerà a seguirvi ugualmente;
  2. Se volete investire in denaro, fatelo con le sponsorizzazioni, tra l’altro sono molto utilizzate da chi utilizza Instagram per scopi commerciali. Con pochi euro al giorno raggiungerete decine di migliaia di persone, in target con gli argomenti del vostro profilo;
  3. Commentate e mettere like ai contenuti degli altri, cercate i profili simili al vostro e siate utenti attivi. In questo modo riuscirete a trovare nuovi follower;
  4. Monitorate le statistiche del vostro sito, abilitando la modalità “Account aziendale” o “Account Creator”, così avrete la possibilità di visualizzare in quali giorni e a quale ora i vostri follower sono più attivi. Non è necessario pubblicare ogni giorno, basta farlo al momento giusto, quindi fate più tentativi in diverse fasce orarie. Una pecca di Instagram è il non poter programmare i post, come invece avviene per Facebook.
  5. Utilizzate hashtag pertinenti, non inseriteli così, come capita prima. Molti utenti raggiungeranno il vostro profilo grazie a questi e tenderanno a seguirlo se lo trovano pertinente alla loro ricerca. Avete un massimo di 30 hashtag da potere utilizzare, ma non necessariamente vanno inseriti tutti questi. Ma ne parleremo meglio più avanti.

Profilo Pubblico o Privato?

Questo è un gran bel quesito. Diciamo che il tutto dipende dalla strategia che deciderete di attuare.

Un profilo pubblico è facile da seguire come anche smettere di farlo, senza nessuna richiesta. I follower potranno facilmente condividere i contenuti e chi riceve potrà visualizzarli senza difficoltà.

C’è chi pensa che questa strategia sia molto più utile e veloce per aumentare i propri seguaci.

Altra teoria quella del profilo privato: intanto riceverete una notifica dalle persone che vorranno seguirvi, quindi c’è, da parte loro, una scelta di base, una vera e propria intenzione di diventare vostri follower. Inoltre, se vorranno smettere di seguirvi, spunterà un pop-up di avviso che chiederà loro se vogliono veramente fare quel passo, ricordando che se lo faranno dovranno richiedere l’accesso qualora dovessero cambiare idea. Molte persone trovano più facile continuare a seguire.

Pubblico o privato? A voi la scelta.

Gli #hashtag

Cosa sono? Delle etichette (tag) utilizzate come aggregatore tematico, un po’ come i collegamenti ipertestuali utilizzati nei documenti.

Ognuno di questi può contenere migliaia e migliaia di contenuti, rendendo più facile la ricerca su un tema o un contenuto specifico.

La loro popolarità si deve a Twitter, oggi sono utilizzati in ogni social network.

Ma sono davvero utili su Instagram?

Assolutamente sì! E vi spiego perché. Come ho già detto prima, ognuno di questi hashtag può contenere migliaia di contenuti, che vengono certati da utenti di tutto il mondo; quale miglior modo per entrare nelle case dei follower?

Ed ecco che entra in gioco la giusta strategia da utilizzare. Create un vostro personale hashtag, sembrerà banale ma quando avrete migliaia di follower, sarà un vero e proprio motore propulsore della vostra crescita su Instagram. Il motivo? Le persone saranno legate a voi, ma solamente se creerete contenuti interessanti.

Instagram vi dà la possibilità di inserire fino a 30 hashtag per post, ma non per questo motivo dovete inserirli tutti; a volta ne bastano davvero pochi per ottenere risultati anche migliori.

Il segreto? Non utilizzate hashtag che contengono decine di migliaia di contenuti, i vostri diventerebbero un ago in un pagliaio. Utilizzate invece quelli che ne contengono molto meno (il numero viene visualizzato proprio accanto l’hashtag dopo averlo scritto), così da essere molto più visibili.

Adesso non vi resta che iniziare a migliorare il vostro profilo Instagram! Cosa aspettate??

Se l’articolo ti è piaciuto, condividilo sui social e continua a seguire il Blog!!