Salve a tutti, purtroppo a causa di diversi impegni non ho più scritto articoli per il blog ma finalmente ho deciso di ritornare a farlo.

In questi giorni di quarantena sono tanti gli amici che mi hanno chiesto consigli “tecnologici”, soprattutto per migliorare le prestazioni degli smartphone e app utili da installare.

In questo articolo vi voglio parlare proprio di quest’ultimi.

Premessa: la maggior parte di noi utilizza il proprio smartphone senza sfruttare tutte le diverse funzionalità che lo caratterizzano, credendo che questo possa preservare il telefono nel tempo.

Ok, sfatiamo questo mito. Il processore del telefono viaggia da una frequenza minima (necessaria al funzionamento essenziale, come accensione e spegnimento del dispositivo) ad una frequenza massima che possa garantire velocità quando si utilizzano più app o giochi.

La maggior parte delle app lavora in background, in modo tale da potersi aprire più velocemente o mantenersi aggiornati, o ancora per consentire l’arrivo delle notifiche, come WhatsApp.

Spesso però questo porta ad un consumo del processore medio/alto, soprattutto negli smartphone di fascia bassa con prestazioni ridotte. Pertanto, che lo vogliate o no, la lavorazione del processore sarà sempre elevata.

E quindi? Come si può risolvere tutto questo? Quali sono le migliori app e come si riduce la lavorazione in background?

Iniziamo dal principio. Già dall’acquisto dello smartphone consiglio di disattivare le numerose app di servizi inutili che possono rallentare il dispositivo.

Iniziamo a fare sul serio, la guida è valida sia se avete appena acquistato lo smartphone, sia se lo utilizzate già da tempo, le app possono essere disinstallate o disattivate a seconda se sono bloccate o meno dal vostro sistema operativo.

Verifichiamo subito quali sono le app installate nello smartphone, come nell’immagine di fianco.

A questo punto, se non utilizzate una stampante Wi-Fi e quindi se non stampate dallo smartphone, vi consiglio di disinstallare (o disattivare) le app di riferimento, nella maggior parte dei dispositivi sono della HP e della Samsung.

Sono sicuro che la maggior parte di voi gioca solo con Candy Crush oppure non gioca affatto, pertanto possiamo disinstallare tutte le app che riguardano i giochi.

Altro passo sono le app Google. Ecco, qui dipende dall’uso che voi ne fate.

– Google Play Giochi;
– Google Play Edicola;
– Google Play Film;
– Google Play Libri
– Google Play Musica;

A meno che non utilizziate qualcuna di queste app, fatele sparire assolutamente, occupano memoria e si attivano continuamente!

Siete fedeli al giornalaio sotto casa o al massimo andate nel sito della testata giornalistica? Allora tutte le app di news non vi serviranno a nulla.

Foto” è un’altra app di Google che vi consente di avere le vostre foto sempre disponibili su qualunque
dispositivo. Dai, a chi vogliamo prendere in giro? Ci divertiamo al primo utilizzo e facciamo i gradassi
davanti gli amici e poi dimentichiamo sempre di trasferire le foto e disattiviamo il backup automatico.
Quindi facciamo fuori anche quest’app!

Hangouts è un’altra app di Google per la messaggistica e le video chiamate, nessuno l’ha mai aperta, nemmeno il suo creatore. Out!

Passiamo alle app da installare.

Per la messaggistica è ormai essenziale WhatsApp, anche se molti si affiancano all’utilizzo di Telegram, spesso più stabile e ricco di funzionalità utili per chi lavora.

Fate video chiamate di gruppo? Bene, se superate i 4 partecipanti (limite di WhatsApp) allora vi consiglio Duo (di Google) o Zoom.

Email: Gmail sarà sempre al vostro fianco ma se utilizzate email di altri gestori vi consiglio di usare l’app già presente sullo smartphone. Spesso si chiama, appunto, Email. Per configurarlo basta seguire la procedura guidata una volta aperto la prima volta. Potete registrare tutti i vostri indirizzi.

Volete avere i vostri documenti o le vostre foto sempre con voi? Niente di meglio di un bel cloud. In questo caso chi offre i servizi migliori a livello gratuito (ma anche a pagamento) sono Google Drive e Dropbox.

Come dimenticare i social. Bene, a questo punto le decisioni ricadono in base alle prestazioni del vostro
smartphone. Dalla fascia media in su va bene installare l’app completa, per i dispositivi di fascia bassa allora consiglio le versioni Lite, peccheranno di effetti grafici ma vi consentiranno un uso giornaliero senza
difficoltà.

Ok anche l’app del Fantacalcio non può mancare sui nostri dispositivi!

Molti di voi troveranno già installato il famoso WPS Office e molti lo utilizzeranno per aprire i diversi documenti. Vi consiglio di lasciarlo a meno che non vogliate sfruttare qualche funzionalità tipica del vostro fidato Office del pc. A questo punto vi consiglio di rimuovere quest’app e installare singolarmente:
Word;
Excel;
Adobe Acrobat Reader (per i PDF).

Spesso capita di scansionare un documento e creare un PDF. Vi consiglio caldamente Adobe Scan, io stesso
la uso ed è davvero molto comoda e affidabile.

A questo punto mi sento di consigliarvi solo un’altra app che per me è davvero utile e fondamentale: Nova
Launcher.

Questa si sostituirà al launcher originale del vostro smartphone rendendolo molto più
pulito ma molto più veloce, avrete la possibilità di gestire la dimensione delle icone, le cartelle, le app
recenti, il tema delle icone e i widget.

Il tutto sempre alla massima velocità.

E per le app in background?

Tranquilli non l’ho mica dimenticato! Sarà sufficiente andare all’interno delle impostazioni della batteria e
disattivare tutte le app di cui non volete gli aggiornamenti costanti.

Questo garantirà anche maggiore
velocità del dispositivo ma perderete 1 secondo in più quando aprirete una di queste app.

Ovviamente la guida è generica e le impostazioni possono variare da dispositivo a dispositivo.

Non abbiate timore, le impostazioni Android sono quasi identiche in ogni smartphone.

Potrei stare qui ad elencarvi centinaia di app ma tutto varia in base all’uso che fate del vostro dispositivo.

Ricordate che maggiori sono le funzioni che richiedete e maggiore dovrà essere la potenza del processore e
della RAM dello smartphone.

Mantenere le app sempre aggiornate vi garantisce anche un miglior funzionamento delle stesse, ma se il
vostro dispositivo non riceve aggiornamenti da tempo, beh, allora aggiornate solo quelle compatibili.

Ultimo consiglio. Non è necessario installare app per cancellare la cache e liberare memoria, ormai ogni dispositivo Android consente di eliminare questi file da un app proprietaria, usate questa!

Se l’articolo vi è piaciuto condividetelo e continuate a seguirmi!!

Avete qualche richiesta da farmi? Contattatemi su Telegram o nei social!

Alla prossima!!